OLIMPIADI INVERNALI - 2014

Discipline
STORIA
Inventato ad Albany (New York) attorno al 1880, la disciplina del Bob nasce dall'intuizione di alcuni atleti che decisero di unire con una tavola due vecchie slitte in legno, conosciute col nome di ''creste'', alle quali aggiunsero in un secondo tempo un meccanismo di sterzo. Le prime gare venivano disputate su strade coperte di neve, e le prime competizioni si svolsero a Davos nel 1883 ed a St. Moritz nel 1884. Soltanto nel 1902 venne costruita la prima pista dedicata solo ed esclusivamente alla pratica del bob. Inizialmente gli equipaggio erano formati da cinque o sei persone e solo negli trenta vennero regolamentati a due e a quattro persone. Il bob, a due e a quattro, divenne disciplina olimpica già nella prima edizione dei giochi invernali del 1924 a Chamonix ma solo nel 2002 il bob a due è diventato disciplina olimpica anche per la categoria femminile. La Svizzera è la nazione con il maggior numero di successi tra campionati europei, mondiali, Coppa del Mondo ed Olimpiadi. Il personaggio di spicco nel bob italiano è stato Eugenio Monti, il ''Rosso volante'', medaglia d'oro a Grenoble 1968 nel bob a due e a quattro e campione del mondo per ben nove volte nel bob a due. Indimenticabile resta la partecipazione della Giamaica ai giochi olimpici di Calgary nel 1988, conclusasi però con un cappottamento del bob. FORMULA E GARE
I team che partecipano alle gare di Bob possono essere formati da due o quattro atleti. Il pilota, che impartisce gli ordini, è l'unico ad avere la testa sollevata mentre al frenatore è affidato il compito di arrestare la corsa del bob una volta tagliato il traguardo. Nel Bob a quattro sono poi presenti anche altri due membri che, spostando il peso del proprio corpo, determinano la velocità del veicolo. Vestiti con una tuta simile a quella dello Sci di Fondo tutti i membri dell'equipaggio sono dotati di un casco di protezione viste le importanti velocità che si possono raggiungere nel corso della gara (fino ad un massimo di 150 Km/h). Il Bob a due, che a pieno carico può arrivare a pesare un massimo di 390 kg, ha una lunghezza di 270 cm mentre per la specialità a quattro, il corpo del bob è di 390 cm per una portata massima ad equipaggio completo di circa 630 kg. Le gare di questa disciplina si svolgono su tracciati di cemento ricoperti di ghiaccio lunghi circa 1500 metri con almeno 15 curve. L'ordine di partenza delle batterie, solitamente, viene deciso tramite sorteggio e, vista l'usura della pista, è ragionevole sostenere che i primi partecipanti siano avvantaggiati dal perfetto stato del tracciato che, col trascorrere della gara, va deteriorandosi. La classifica finale di ogni gara è il risultato della somma di quattro discese, solo due per le donne. Prima della gara vera e propria le squadre hanno tre giorni di tempo per prendere confidenza con il tracciato sul quale dovranno gareggiare. Si parte il 16 febbraio con il duo maschile e si termina il 23 con il quattro. VANCOUVER 2010
A Vancouver, nel bob a due maschile dominio della Germania, oro per Lange-Kuske e argento per i connazionali Florschutz-Adjei, bronzo invece per la Russia di Zubkov-Voevoda; nella gara femminile, altra doppietta, questa volta per il Canada con oro a Humphries-Moyse e argento ad Upperton-Brown. Bronzo per gli Stati Uniti di Pac-Meyers. Nel bob a quattro, oro agli Stati Uniti pilotati da Holcomb, argento alla Germania guidata da Lange e bronzo per i padroni di casa del Canada con al posto di guida Rush. Il miglior piazzamento dell'Italia è stato il nono posto nel bob a quattro.

FINALI DI GIORNATA

Finale   Ora
Sci di fondo:50 km tl mass start M 08:00
Bob:Bob a 4 M 12:00
Hockey ghiaccio M 13:00

AZZURRI IN GARA

Simone Bertazzo Bob
Roland Clara Sci di fondo
Francesco Costa Bob
Francesco De Fabiani Sci di fondo
Simone Fontana Bob
David Hofer Sci di fondo
Samuele Romanini Bob